Benefici della montagna sul nostro organismo

Nei confronti della montagna, molte persone provano una sensazione di amore e odio, non è una meta ricercata come il mare o le città d'arte, eppure, se tutti conoscessero gli innumerevoli benefici che si possono ottenere stando in montagna, si ricrederebbero.

La montagna è il luogo perfetto per stare meglio con se stessi a livello mentale ma anche fisico, regala pace e serenità e allontana dallo stress quotidiano. Vedremo di seguito, più nel dettaglio quali sono questi benefici e come possono influire sull'organismo.

Benefici sulla salute mentale

La montagna ha ottimi benefici sulla salute mentale delle persone, il luogo calmo e rilassato, la riscoperta della natura e dell'ambiente che li circonda, influisce positivamente su quelle che sono malattie come la depressione.

In montagna è possibile rilassarsi non solo grazie alla natura, ma anche grazie ai raggi solari che raggiungono perfettamente la pelle, alimentando la vitamina D e curando il malumore.

Stare a contatto con la natura, sentirsi parte di essa e creare un legame attraverso suoni e profumi dimenticati a causa della vita in città, stimola il cervello a produrre serotonina o anche conosciuto come ormone della felicità, questo allontana stress e permette di riequilibrare corpo e mente.

Benefici sulla salute fisica

Nell'aria che si respira quando si è in montagna, c'è un alto tassi di ioni negativi, questi ultimi favoriscono all'acceleramento del metabolismo. Quindi uno dei benefici principali a livello fisico, è la perdita di peso, infatti una semplice camminata in montagna in pendenza, risulta essere molto più efficace della stessa attività svolta però in piano.

Diversa è anche la fonte da cui il corpo prende energia quando si passeggia in montagna, puntando su quelli che sono i grassi, questo delle volte dovuto anche alle temperature basse, eliminando così accumuli adiposi nel proprio organismo che a lungo andare possono creare problemi.

Facendo delle passeggiate in montagna, magari aiutandosi con uno smart tracker, si riesce anche a modellare il proprio corpo e a renderlo più forte, infatti arti inferiori e glutei si tonificano, gli addominali vengono sollecitati nella camminata e se si usano dei bastoncini si riesce ad avere risultato positivo anche alle braccia.

La montagna aiuta a respirare meglio

L'aria di montagna, le lunghe passeggiate che vi si possono fare e altri fattori presenti in questo ambiente, riescono a combattere quelle malattie che sono legate a uno stile di vita sedentario come infarti, ischemie, ictus, ecc.

Grazie all'alta quota migliorano anche i valori della pressione, sia i minimi che i massimi, questo perché quando si cammina a ritmo sostenuto in montagna, le prestazioni del cuore e polmoni migliorano, di conseguenza migliora anche la circolazione sanguigna. Inoltre è stato riscontrato che l'acqua che si trova in montagna aiuta a depurare il corpo tre volte meglio, rispetto alla normale acqua di rubinetto in città.

La montagna fa bene proprio a tutti

Per chi soffre di allergie agli acari o alla polvere, la montagna è il luogo ideale in cui rifugiarsi. Infatti sopra i 1500 metri, questi batteri scompaiono perché non c'è un alto tasso di umidità, quindi non riescono a proliferare. In generale, chiunque soffra di patologie legate al respiro anche d'asma, può trovare sollievo recandosi in montagna.

Oltre i 1200 metri, l'aria salubre che si respira stimola una maggiore produzione di globuli rossi e quindi un apporto maggiore d'ossigeno ai muscoli, di conseguenza ci si sente più attivi ed energici e non fiacchi come in città. Questa caratteristica attira in montagna centinaia di sportivi ogni anno che vogliono allenarsi e recuperare una forma fisica ottimale.

L'aria di montagna è ottima anche per chi soffre di anemia, mentre sia l'aria che l'ambiente sono perfetti per i bambini che soffrono d'iperattività e inappetenza. Venendo stimolati maggiormente dalla natura che li circonda, riescono a esprimersi al meglio nel gioco e nella creatività, aumentando l'appetito e conciliando un riposo migliore.

Relax e sport

Otre che essere un luogo in cui ci si rilassa, la montagna offre tante attività che possono essere praticate in vari periodi dell'anno come ad esempio rilassarsi all'interno di un centro benessere o una Spa. Molto belle sono anche le terme d'alta quota, che uniscono il relax a un effetto terapeutico. Inoltre è possibile svolgere tanti tipi di sport diversi utili per il benessere fisico:

  • Husky trekking: questo sport consiste nel fare escursioni con l'aiuto di un cane guida. Si aggancia una cintura alla vita, alla quale sono legati i cani che condurranno la persona durante l'escursione. Questo sport è adatto a tutti gli amanti dei cani perché crea un legame tra i due
  • Rafting: praticabile sulle rapide di un fiume; grazie a un gommone ci si lancia in una emozionante discesa sull'acqua. E' uno sport di gruppo e quindi ideale per le famiglie ma anche per dei gruppi di amici
  • Escursioni a cavallo: in montagna, l'escursione in sella a un cavallo è d'obbligo; è un'esperienza unica che riesce a creare una stretta relazione tra la persona, la natura e l'animale
  • Nordig Walking: non la classica passeggiata in montagna ma la Nording Walking, altro non è che un tipo di camminata che serve a coinvolgere la quasi totalità dei muscoli del corpo, migliorando la postura e distribuendo lo sforzo fisico su tutti gli arti, grazie anche all'utilizzo degli appositi bastoncini
  • Sci: se ci si reca in montagna nel periodo invernale, cosa c'è di meglio della neve per praticare sport. Lo sci è sicuramente tra i più praticati e anche se non si è esperti, si può prendere qualche piccola lezione per approcciarsi

Scegliere la montagna fa bene

Per concludere, i vantaggi di scegliere la montagna come luogo dove passare le vacanze o anche solo un week-end sono davvero tanti, utili al corpo e alla mente.

Non è un luogo solo estivo ma ideale tutto l'anno, non resta che scegliere il periodo preferito e partire. Quando si hanno particolari patologie o si è in età avanzata, sarebbe utile pensare anche all'ipotesi di trasferirsi in montagna per periodi più lunghi come alcuni mesi, così da beneficiare al massimo di questo ambiente.